0
Comprensione del testo: un metodo per aiutare i bambini

Comprensione del testo: un metodo per aiutare i bambini

Sempre più spesso accade che i bambini incontrino difficoltà nella comprensione di un testo. A partire dalla terza elementare ogni alunno dovrebbe aver sviluppato l’abilità di lettura: c’è chi legge con più velocità, chi è meno rapido ma preciso. Ciò che la maggior parte degli insegnanti e dei genitori lamenta è che i bambini non colgono ciò che leggono, non comprendono il testo e di conseguenza non riescono a memorizzarlo. 

Com’è possibile che ci siano tutte queste difficoltà relative alla comprensione del testo? Non allarmarti pensando subito ad un disturbo, piuttosto pensa a quali strategie educative e didattiche possano essere efficaci in base allo stile di apprendimento del bambino.

La lettura è di per sé un’attività che richiede un grande sforzo cognitivo, è abbastanza usuale che durante la scuola primaria il bambino concentri tutte le sue energie nella decodifica del testo dimenticando di prestare attenzione alle parole, al loro significato. E’ bene che l’insegnante dia delle direttive, dei consigli, un metodo per favorire la comprensione del testo affinché negli anni possano essere interiorizzati e automatizzati.

Io ho ideato e sperimentato un metodo!

Si tratta di un metodo versatile e utile sia per aiutare il bambino nella comprensione del testo, sia per memorizzare. Ormai lo utilizzo in maniera costante con tutti i bambini, inserendo o eliminando qualche passaggio per personalizzare. Ogni bambino è diverso, quindi è giusto che ci sia sempre un certo grado di personalizzazione.

Guardiamo nello specifico le quattro fasi di questo metodo per aiutare i bambini nella comprensione e memorizzazione del testo!

1. Dividi il testo in piccole porzioni

La prima cosa da fare, prima di iniziare la lettura, è dividere il testo in piccole porzioni. I libri offrono importanti informazioni che possono essere colte a colpo d’occhio! Infatti i capoversi, il punto e a capo, le rientranze o l’aumento dell’interlinea (lo spazio tra una riga e l’altra) indicano un cambio d’argomento e fungono da agganci visivi che permettono di dividere facilmente il testo in piccole porzioni.

Le porzioni appena individuate andranno evidenziate con parentesi quadre tracciate a matita lungo il profilo del testo, se una di queste dovesse risultare troppo ricca è utile suddividerla in due o tre porzioni in base a dove è posizionato il punto.

E’ fondamentale, durante le prime applicazioni del metodo, partire da letture molto brevi per evitare di affaticare troppo il bambino!

Scheda comprensione del testo 4


2. Decodifica e comprendi

Dopo aver suddiviso il testo è arrivato il momento di leggerlo in modo graduale. Si partirà dalla prima sequenza, che dovrà essere letta due volte. La prima lettura serve semplicemente a decodificare le parole, la seconda lettura permetterà al bambino di soffermarsi sul significato delle parole e sulla comprensione del testo.

Ognuna delle porzioni individuate andrà letta due volte, ma ribadisco: in modo graduale! Infatti tra una doppia lettura e l’altra va inserito un ulteriore passaggio che darà al bambino la possibilità di riposarsi; inoltre essendo le porzioni di testo molto piccole la lettura sarà un gioco da ragazzi.

Scheda comprensione del testo 5


3. Colora, sottolinea, numera

E dopo la lettura? Pennarelli alla mano perché ora ci divertiamo! Il bambino dovrà scegliere un colore e sottolineare solo le informazioni più importanti.

Dopo aver selezionato e sottolineato le informazioni importanti, alla porzione di testo andrà affidato un numero. Man mano che le sequenze vengono lette, comprese e sottolineate il bambino dovrà numerare gli argomenti individuati. A cosa serve questa fase? a far capire al bambino che un testo è un insieme ordinato di argomenti, la sequenza gli permetterà di avere uno schema mentale rispetto al contenuto del testo.

Ciò significa che oltre alla comprensione del testo verrà favorito anche il ricordo, dunque sarà più facile da memorizzare. Ovviamente ogni porzione di testo avrà un colore unico e diverso dall'altro!

Questa fase è davvero fondamentale: la sottolineatura è un invito alla comprensione, infatti per poter selezionare le informazioni importanti ho bisogno di capirle; utilizzare i colori significa mantenere la motivazione del bambino alta, quindi l’attenzione sarà naturale e fervida.

Scheda comprensione del testo 1


4. Ripeti ad alta voce e usa parole gancio

Se il fine ultimo del metodo è quello di favorire la comprensione del testo, è possibile concludere il lavoro alla fase precedente. Rispondere alle domande sarà un gioco da ragazzi, perché le informazioni sono tutte lì a portata di mano e rintracciabili a colpo d’occhio.

Se invece al bambino è richiesto di studiare e memorizzare il testo è necessario introdurre questo ulteriore passaggio: dopo la lettura e la sottolineatura la porzione di testo andrà ripetuta ad alta voce per due o tre volte, si passerà poi alla sequenza successiva e si effettuerà lo stesso lavoro.

Tra un argomento e l’altro il bambino può inserire delle parole gancio da annotare lungo il profilo del testo. La funzione di queste parole è proprio quella di agganciarsi all'argomento successivo! Alla fine l’intero testo andrà ripetuto due volte ad alta voce per intero.

Scheda comprensione del testo 2


Et voilà il gioco è fatto! Le difficoltà di comprensione o di memorizzazione scompariranno con il tempo.

Dico sempre ai miei bambini che andare ad un’interrogazione è un po’ come fare gli attori. La pagina del libro è il nostro copione e dobbiamo prepararla e comprenderla per bene per poterla interpretare alla perfezione. Le parole gancio sono il personale tocco di stile che se accompagnate dalle giuste intonazioni, rendono perfetta la performance!

Al termine di questo lavoro ciò che apparirà agli occhi del bambino è una pagina colorata e ridente, il lavoro strutturato avrà fatto scorrere il tempo piacevolmente senza la pesantezza e la monotonia della ripetizione seriale.

Forse starai pensando che si tratta di un metodo dispendioso e invece non è affatto così. Partiamo dal presupposto che nessun obiettivo si raggiunge senza sforzi, ma è giusto che gli sforzi siano funzionali ed efficaci. Chiedere ad un bambino di leggere 5 volte una lettura per comprenderla o ripeterla all'infinito finché non ricorda tutte le informazioni non è meno dispendioso. Anzi! E’ un lavoraccio che non porta a nulla, perché con il tempo quelle informazioni andranno perse, dimenticate.

Invece con questo metodo la lettura, la comprensione e la memorizzazione diventano un momento stimolante, strutturato, facile e soprattutto motivante. Il bambino sarà portato a comprendere le informazioni, a creare uno schema mentale riguardo gli argomenti del testo e ciò faciliterà lo studio e la memorizzazione.

Ovviamente affinché il metodo sia realmente efficace dev'essere ben applicato! E' fondamentale che ci sia un accompagnamento iniziale, l'adulto deve mostrare come si fa e orientare il bambino favorendo un'autonomia progressiva. Il bambino con il tempo imparerà a fare tutto da solo, ad essere totalmente autonomo e i risultati positivi attiveranno in lui un circolo virtuoso fatto di motivazione, sicurezza e positività. Provare per credere!

Scheda comprensione del testo 3

Vittoria Mariniello
Vittoria Mariniello Pedagogista specializzata in BES

Sono una pedagogista, mi occupo di bisogni educativi e apprendimenti. Aiuto bambini e bambine a sviluppare il loro potenziale umano e apprenditivo tramite interventi pedagogici.